Il Portale Italiano dell'Ornitofilia V&A - Home Page  



Pubblicità 

Oggi è 19/10/2017, 7:21




Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
PUBBLICITA'


Salvataggio miracoloso... 
Autore Messaggio
Amministratore
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: 29/03/2012, 22:15
Messaggi: 2853
Località: Italia
Rispondi citando
Immagine
I soggetti di cui scrivo nel post, a destra la cardinalina salvata


Qualche giorno fa ho operato un salvataggio letteralmente "miracoloso" di una mia Cardinalina del Venezuela, inanellata FOI 2014 che versava, secondo me, in imminente pericolo di vita.

Un salvataggio per intenderci da codice rosso....

In allevamento tutto procedeva al meglio. I Cardinalini del Venezuela, tra ancestrali e mutazioni di colore Pastello, Pastello Bruno e Diluiti, quasi tutti in cova con uova in alta percentuale fertili, in un ambiente a loro interamente dedicato, dotato di 23 coppie dello spinus.

Una coppia di ancestrali covava tranquilla e tre giorni dopo avrebbe avuto regolare la schiusa di quattro uova feconde. Ad un tratto, due giorni prima della preventivata nascita dei pulli, recandomi di primo mattino in allevamento mi resi conto che la cardinalina aveva abbandonato improvvisamente nido ed uova e non covava più. Un attimo di trepida incertezza per realizzare subito di dover spostare il nido sotto una cardinalina pastello bruno che, nell'attesa di una nuova deposizione, date a balia ad altra conspecifica con uova chiare le sue uova fertili, stava provvisoriamente covando uova di plastica in attesa di predisporla ad un nuovo ciclo di ovodeposizione.

Lo feci, pur non sapendo da quante ore la cardinalina indisposta aveva abbandonato il suo nido.... Dopo aver sistemato le uova al calduccio della balia, catturai la cardinalina indisposta per rendermi conto delle sue effettive condizioni. Un macello.... Addome violaceo ed imbibito di liquidi, estremo dimagrimento, petto con sterno a coltello (dunque magrissimo). Per di più la cardinalina manifestava una gravissima dispnea, facendo fatica a respirare ed a mantenere il posatoio. Secondo me era in imminente pericolo di vita.

Un nostro compianto socio della AOP-Bari, che era stato anche presidente del Sodalizio, Il Dott. Mario Varrese, appassionatissimo allevatore di Cardinalini del Venezuela, mi aveva sempre confidato di non essere mai riuscito a salvare un cardinalino impallato. Ed in effetti l'impresa è veramente ostica e disperata. Considerate che stiamo parlando di un esserino di appena 11 grammi di peso (piume comprese), per 11 cm. di lunghezza. In sostanza un delicatissimo scricciolino poco più grande di un Colibrì....

Nella più viva disperazione raccolsi le mie forze, facendo ricorso a quel briciolo di lucidità che ti rimane, veramente molto molto poca, tutte le volte che ti rendi conto la tua passione stia impattando la più nera ed avversa realtà: la morte di un tuo beniamino piumato, nel cui accoppiamento magari avevi riposto parte delle speranze che alimentano il blasone dell'allevamento di ognuno di noi amatori.

Iniziai con il verificare che l'uccellino presentava diarrea, feci molto liquide di aspetto bianco, quindi più che feci forse urine alterate. Decisi da subito di aggiungere all'acqua di bevanda un blando acidificante come l'aceto di mele, ad effetto tampone per i microrganismi del tratto gastro-enterico. Quindi, in luogo di stare ad ingozzare il pennuto malandato con poltiglie semiliquide da imbecco, come molti erroneamente fanno mandando in choc l'uccellino o, nella migliore delle ipotesi, in polmonite meccanica (ab ingestis), gli somministrai una goccina di Fungizone (Amphotericina B), seguita a qualche ora di distanza da altra di Bactrim forte, sciroppo per uso umano a base di sulfamidici. Poi sistemai in posti facilmente accessibili il becchime e l'acqua di bevanda acidificata.

Le condizioni inizialmente disperate, l'intensa dispnea (respirazione alterata per ritmo e frequenza) sono andate progressivamente attenuandosi nella giornata, sin quasi a scomparire nel tardo pomeriggio prima del tramonto. In tardo pomeriggio ho somministrato un'altra goccina di sciroppo Bactim e il giorno seguente sono andato avanti con due goccine di Bactrim sciroppo direttamente per os ed una goccina die di Fungizone. Altri due giorni di terapia con 1 goccina di Bactrim ed a seguire dopo alcune ore 1 goccina di Fungizone, il tutto direttamente dosato nel becco, per una assunzione certa!

Miracolosamente l'uccellina è letteralmente "ritornata al mondo".... Ha riguadagnato come se nulla fosse il posatoio, ha ripreso a svolazzare in gabbia. E' tornata ad alimentarsi alla tramoggia dispenser Alpistex. Incredibile, neppure immaginate come era messa male al momento del mio intervento...

Intanto dopo 3 giorni sono schiuse 3 delle sue 4 uova sotto la cardinalina Pastello Bruno ed i piccoli godono ad oggi di ottima salute, crescendo regolarmente. Il 4° uovo presentava l'embione morto ad uno stadio precocissimo dell'incubazione.

Cosa può essere accaduto alla cardinalina? In effetti due giorni prima della sua improvvisa indisposizione, sistemando le uova in cova ad una sua conspecifica del piano superiore, le avevo pulito la gabbia (si tratta di batterie da cova Terenziani da 90 cm., a castello, modulari). Evidentemente un po' di sudiciume, o al limite qualche semino contaminato ed umido, devono aver inquinato: o il beverino dell'acqua, o il portapastone della cardinalina disposta sotto lo scompartimento-gabbia pulito, che così si è beccata una tossinfezione alimentare, difficile ipotizzare senza riscontri di laboratorio se di natura micotica, batterica o uno e l'altro insieme. Sta di fatto che una tempestiva quanto empirica terapia consociativa, somministrata direttamente a bocca, associando un farmaco antibatterico con altro antimicotico, hanno letteralmente strappato a morte certa l'uccellino.

Ora 10 giorni di convalescenza con qualche giorno in terapia disintossicante ed epato-protettiva con un preparato per ornitologia a base di Cardo Mariano, e ritenteremo poi una nuova covata.

Salvataggio della serie "ultimo minuto". La passione e l'amore, a volte fanno grandi miracoli!

_________________
Allevo: Cardinalino del Venezuela (ancestrale/ pastello/ pastello bruno/ diluiti) - Lucherino Testanera (ancestrale/ diluiti/ topazio/ lutino) - Lucherino Ventregiallo.


27/05/2017, 16:11
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su TuentiCondividi su SonicoCondividi su FriendFeedCondividi su OrkutCondividi su DiggCondividi su MySpaceCondividi su DeliciousCondividi su TumblrCondividi su Google+          
Profilo WWW

GreenVet Fitoterapia Veterinaria



Amministratore
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: 29/03/2012, 22:15
Messaggi: 2853
Località: Italia
Rispondi citando
Meditando ancora.... aggiungerei che la dispnea e lo stato "impallato" erano determinati da una forte dolenzia, verosimilmente addominale. Perché se effettivamente vi fossero state severe patologie addominali ed una importante compressione degli organi addominali sui polmoni (sapete che notoriamente gli uccelli non hanno il muscolo diaframma e la cavità addominale è posta direttamente in comunicazione con la cavità toracica), certamente l'uccellino non avrebbe avuto scampo! Ed invece curata l'indisposizione viscerale, il tutto è rientrato. Ma l'uccellina ha rischiato grosso.

Starò più attento per il futuro, allorché ripulisco le gabbie.

_________________
Allevo: Cardinalino del Venezuela (ancestrale/ pastello/ pastello bruno/ diluiti) - Lucherino Testanera (ancestrale/ diluiti/ topazio/ lutino) - Lucherino Ventregiallo.


27/05/2017, 17:42
          
Profilo WWW
Amministratore
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: 29/03/2012, 22:15
Messaggi: 2853
Località: Italia
Rispondi citando
La Cardinalina sta magnificamente bene ed a giorni le rimetto il cestino nido. Certamente aveva mangiato qualcosa che le aveva procurato una enterite acuta con intenso dolore addominale (onde l'aspetto impallato e la dispnea).

Ho avuto la fortuna di intervenire tempestivamente con dei medicamenti evidentemente efficaci, dosati direttamente nel becco, quindi certamente assunti. Perché in acqua o mangime spesso gli uccelli indisposti non assumono correttamente i medicinali, non si alimentano, non bevono, o lo fanno con frequenza ridotta.

Aveva comunque ragione il compianto Mario Varrese, è difficilissimo soccorrere in termini risolutivi un Cardinalino impallato. Anche a me non era mai successo di riuscire a salvarlo, il caso di qualche giorno fa è stato - ad oggi - l'unico salvataggio che mi è riuscito da quando allevo la specie (sei anni ormai).

Ed anche i tre pulcini, le cui uova furono trasferite tempestivamente a balia, stanno benone e sono stati già inanellati.

_________________
Allevo: Cardinalino del Venezuela (ancestrale/ pastello/ pastello bruno/ diluiti) - Lucherino Testanera (ancestrale/ diluiti/ topazio/ lutino) - Lucherino Ventregiallo.


30/05/2017, 12:16
          
Profilo WWW
Amministratore
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: 29/03/2012, 22:15
Messaggi: 2853
Località: Italia
Rispondi citando
Che aggiugere... Anche se non mi sono laureato in veterinaria per soli 5 esami su 53 del corso di laurea, sono felicissimo di aver studiato quella disciplina all'Università, sempre con impegno e riportando nelle materie superate votazioni quasi sempre al massimo. Ho fatto anche due Internati in quegli anni, uno in clinica chirurgica veterinarie ed altro in farmacologia, partecipando durante questa seconda esperienza ad un campo sperimentale in un'azienda di allevamento di Struzzi.

Sarò stato un testone ad impuntarmi e distrarmi proprio alla fine. Ho avuto anche una buona dose di sfiga con l'emorragia cerebellare tra i piedi, proprio alla fine dell'impegno universitario e tutto il conseguente tempo perso negli ospedali, per sviscerare la mia situazione clinica ed essere certo di una prognosi di guarigione; ma allevare uccellini con la mia formazione universitaria è una goduria nella goduria, perché quasi tutti i problemi di allevamento li risolvo in proprio!

_________________
Allevo: Cardinalino del Venezuela (ancestrale/ pastello/ pastello bruno/ diluiti) - Lucherino Testanera (ancestrale/ diluiti/ topazio/ lutino) - Lucherino Ventregiallo.


30/05/2017, 12:26
          
Profilo WWW
veterano
veterano
Avatar utente

Iscritto il: 14/09/2012, 10:22
Messaggi: 774
Località: Pr. di Vercelli
Rispondi citando
Meno male che tutto si è risolto in meglio Francesco

_________________
Gessica

HO: Canarino mosaico, Coppia di cocorite, Inseparabile roseicollis, Cricetino siberiano.

in cielo 7 stelle: il gatto Tittino, il canarino Pikky, i cricetini Nocciolino, Rametta, Tristan e Gonzalo, il cocorito Spillo,


28/08/2017, 18:30
          
Profilo YIM WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 5 messaggi ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  


PUBBLICITA' 
Top






Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010

phpBB SEO