Il Portale Italiano dell'Ornitofilia V&A - Home Page  



Pubblicità 

Oggi è 27/06/2019, 11:16




Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 
PUBBLICITA'


Canali, diritti degli animali 
Autore Messaggio
Amministratore
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: 29/03/2012, 22:15
Messaggi: 3010
Località: Italia
Rispondi citando
Navigando online ho trovato questo scritto molto interessante del Dott. Giovanni Canali, in tema di diritti degli animali. La posizione espressa da Giovanni Canali in tema di animalismo mi sembra suscettibile di interesse e di dibattito. Certamente potrà suscitare degli spunti di confronto e discussione, ci auguriamo interessanti, tra i nostri lettori. Mi auguro chi ci segue voglia intervenire per dire la sua, mi piacerebbe se gli spunti di dibattito su questioni etiche e culturali che investono il nostro mondo amatoriale prendessero piede. Al limite potremmo creare una nuova sezione di dibattito in forum.

La nota del Dott. Giovanni Canali è estratta dal sito web della associazione ornitologica di Parma:

http://www.adop-parma.com/contenuto/sui-diritti-degli-animali.

Buona lettura ed auspicabile discussione.




Ho letto e sentito molto sui diritti degli animali e argomenti di segno diverso, con posizioni diverse.

Sulle posizioni molto animaliste ho qualche timore. Non molto sulle spinte verso il vegetarianismo e l’ostilità verso l’uccisione di animali a scopo alimentare, del resto che la dieta esclusivamente vegetariana non sia consigliabile, specialmente per i bambini, lo dicono quasi tutti i nutrizionisti e non credo che questa tendenza ancorché sostenuta anche da filosofi, abbia possibilità di molto credito.

Anche troppo facile l’argomento che è naturale anche fra gli animali il cibo animale e l’uomo è un onnivoro. Penso semmai che meglio di divieti irraggiungibili sarebbero utili ulteriori regole a tutela degli animali negli allevamenti, purché logiche e suggerite da veri esperti.

Diverso il caso della sperimentazione animale che è fortemente osteggiata e viene propagandata la necessità di proibirla, tendenza che sta facendo proseliti. Il danno alla ricerca scientifica sarebbe grave. Si potrebbero prospettare una clandestinità o vantaggi per gli Stati che non l’applicassero. Molto meglio regole precise e tutelanti, che una clandestinità senza controlli.

Fra l’altro i detrattori della sperimentazione animale sostengono la non trasferibilità dei risultati sull’uomo. Cosa per altro parzialmente vera, dipende dai casi, ma questa parzialità è ben nota e i ricercatori qualificati ne tengono ben conto; ma dimenticano l’applicabilità alla stessa specie.
La ricerca la fanno anche: veterinari, biologi, ecc… non solo i medici.

In altri termini una sperimentazione: ad esempio sul coniglio, non è detto che si possa utilizzare sull’uomo totalmente o parzialmente, ma sul coniglio si. Sostengo invece e con convinzione la necessità di vietare la caccia, che in effetti non è sostenibile e ha già prodotto troppi danni alla natura.

Non ritengo lecito uccidere senza necessità, la caccia è lecita per una tribù primitiva che deve nutrirsi, non per l’uomo moderno che non ne ha il bisogno e dispone di mezzi micidiali.
L’abbattimento di animali selvatici autoctoni lo ritengo lecito solo per legittima difesa o quando una specie va in eccesso a causa dello squilibrio ecologico.

Diverso il caso di specie alloctone che possono produrre danni anche molto gravi da valutare caso per caso, sempre da parte di esperti veri (noti i casi dello scoiattolo grigio americano, della nutria ed altri ancora).

Quanto allo specismo di cui a volte si parla, ritengo si debba pur dire, che lo specismo è giustificato, almeno sotto certi aspetti.

Non vi è alcun dubbio che la nostra specie sia incomparabilmente superiore sul piano dell’intelligenza a tutte le altre. Questa superiorità, tuttavia non giustifica affatto abusi, semmai ci conferisce responsabilità maggiori.

Problemi specistici potrebbero esserci se il nostro parente, Homo neanderthaliensis, specie diversa, ma affine, appartenente al nostro stesso genere, non si fosse estinto. L’Homo sapiens (noi) era più intelligente, gli studi sui crani, non ammettono dubbi, ma il Neanderthal era certo molto superiore alle altre specie e non così lontano da noi, che farne? Ho letto, diversi anni fa un interessante articolo su questo tema che faceva varie ipotesi, ma non vado oltre, lascio spazio alla fantasia del lettore.

Oggi c’è dibattito sugli scimpanzé e i bonobo, ai quali taluni vorrebbero estendere certi diritti fondamentali. Non credo tuttavia che queste richieste siano abbastanza fondate, né che abbiano molte probabilità di essere accettate. Sempre di animali si tratta, ancorché di relativamente notevole intelligenza ed a noi sistematicamente e geneticamente vicini.

Un aspetto discutibile è quello di carattere giuridico, con riflessi filosofici, sulla tutela degli animali.
Anni or sono, in generale, ed in Italia ancora oggi, in effetti gli animali non erano e non sono tutelati dal diritto direttamente. Se sanzioni c’erano e ci sono, è perché i maltrattamenti agli animali possono turbare i consociati umani. Oggi però nel diritto fa capolino un principio nuovo, con qualche base filosofica, e cioè la tutela dell’animale in quanto “essere senziente”.

È il trattato di Lisbona del 2004 che all’art. 13 usa il termine “esseri senzienti” e quindi degni di protezione da parte del diritto in quanto tali. Anche se altri (magistrati, polizia, ecc..) dovranno intervenire per la tutela dell’animale e non si dovrà aspettare la richiesta dell’animale stesso, poiché non in grado di farla.

Questa novità potrà non piacere a tutti, ma ad alcuni si. A me non dispiace; non ho mai condiviso il concetto precedente. Semmai sarebbe bene non eccedere con le tutele; gli eccessi, per quanto sostenuti in buona fede e con buone intenzioni, sono sbagliati e controproducenti. Il fatto poi, che gli animali non si rendano conto della considerazione e della tutela a loro accordata, è irrilevante; infatti siamo noi a rendercene conto e a sentirne il dovere morale.

Vorrei dire inoltre che ritengo immorale che un animale possa essere proprietario di qualcosa, sia pure indirettamente, poiché negli stati ove è possibile, bisogna ricorrere a persone giuridiche oppure fondazioni create per la bisogna, a seconda dell’ordinamento giuridico interessato.
Anni fa mi è capitato di leggere di animali che hanno ereditato dei beni da eccentrici proprietari statunitensi. Non so se in tutti gli Stati U.S.A. la legge lo consenta; comunque ritengo sia profondamente errato.

In Italia si può costituire un onere a carico del legatario o dell’erede, a favore di animali, aspetto più accettabile, anche se discutibile.

Il mio pensiero è che gli animali debbano essere rispettati come tali. Ritengo grave errore umanizzarli, va anche a loro danno. Basta pensare a certi cagnetti infiocchettati che non vivono secondo la loro natura.

Sono contrario anche ad avere animali imprintati che non hanno consapevolezza della propria specie e non sono più idonei alla riproduzione, forse pensano di essere uomini riusciti male…
Se una persona che vive sola si affeziona ad un animale da compagnia, i famosi pet, va bene, secondo me però, non va bene se l’animale diventa il sostituto di una compagnia umana e parificato ad essa.

Per quanto concerne l’allevamento amatoriale ho sempre sostenuto che gli animali vadano trattati benissimo. Chi non è in grado di farlo deve rinunciare ad averne. Non a caso, pur essendo allevatore amatoriale molto impegnato, non ho mai fatto proselitismo; infatti è bene che allevi solo chi è veramente motivato e convinto. Non ritengo opportuno indurre qualcuno a farlo; potrebbe stancarsi e maltrattare gli animali.

Per lo stesso motivo sconsiglio anche di regalare animali, a meno che non si sia ben certi che siano proprio graditi e quelli graditi. Questo pensiero non mi ha impedito di essere sempre stato disponibile e ben lieto di mettere a disposizione dei giovani allevatori, già convinti di esserlo, tutto il mio sapere ed esperienza, dal più piccolo espediente alla più complessa teoria, comportandomi come un classico mentore.

Quando insegno qualcosa, prima penso all’interesse dell’animale allevato, poi a quello dell’allevatore, che peraltro non devono essere in contrasto, in un allevamento specialmente se amatoriale, quando è ben inteso.

Giovanni Canali

_________________
Allevo: Cardinalino del Venezuela (ancestrale/ bruno/ pastello/ pastello ali grigie/ pastello bruno/ diluiti) - Lucherino Testanera (ancestrale/ diluiti/ topazio/ lutino) - Lucherino Ventregiallo - Lucherino Facciagialla.


24/09/2014, 19:36
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su TuentiCondividi su SonicoCondividi su FriendFeedCondividi su OrkutCondividi su DiggCondividi su MySpaceCondividi su DeliciousCondividi su Tumblr          
Profilo WWW

GreenVet Fitoterapia Veterinaria



attivo
attivo

Iscritto il: 26/11/2012, 22:35
Messaggi: 425
Località: massa
Rispondi citando
L'argomemento e'molto interessante ed attuale,voglio fare una premessa,ho avuta la fortuna e l'onore di conoscere personalmente il Dott.Canali in due occasioni,entrambe le volte a Carrara,l'ultima poco tempo fa'per un incontro di formazione svoltosi nella mia provincia,persona veramente squisita sotto ogni punto di vista.
Sono rimasto entusiasta ed ammirato dalla sua grande cultura e conoscenza in campo ornitologico,e non sto'parlando solo di canaricoltura,il suo sapere spazia veramente a 360°,dico questo con cognizione di causa,dato che oltre all'incontro aperto al pubblico,ho potuto presenziare come spettatore,ad una lezione impartita a degli allievi giudici.
Credetemi,sarei stato ad ascoltarlo per ore ed ore,penso che la sua conoscenza in questo campo sia veramente infinita.
Comunque dallo scritto pubblicato da Francesco si evince chiaramente la levatura intellettuale del Dott.Canali,affrontando a mio parere,con il giusto piglio l'argomento,su certi temi si rischia di essere piu'emotivi che razionali,correndo il rischio di diventare intransigenti all'estremo.
Mi e'capitato di navigare in siti "ultra-animalisti",devo dire in verita'che vedendo alcuni video riguardanti la vivisezione,mi sono sentito sopraffato da un senso di rabbia,guardando la triste vita di quei poveri animali,scene molto crude,sofferenze innenarrabili...ed ecco la mia parte emotiva,come fa'un uomo a fare certe cose,come si puo'non impietosirsi difronte a queste povere bestiole,che colpa ne hanno?
Poi pero'razionalmente penso,e se tutto questo servisse ipoteticamente a salvare la vita a me o magari ad un mio caro?
Allora tutto avrebbe piu'senso,o almeno uno scopo preciso.
Dico in tutta sincerita'di non essere riuscito ancora a capire,se gli sperimenti sugli animali siano veramente utili per la ricerca in campo umano,troppi pareri discordanti anche tra gli esperti,non riesco a farmi un'idea netta sull'argomento,di sicuro rimane la grande tristezza per la sorte di quei poveri animali,augurandomi che il prima possibile tutto cio'finisca,trovando altri metodi di ricerca(magari esistessero),ovviamente rigetto in pieno gli esperimenti che non siano strettamente utili(qualora lo fossero),come ad esempio quelli per la cosmesi.
Altro tema spinoso,e forse ancor di piu'attuale e'quello dell'allevamento animale a scopo alimentare,sono sempre di piu'le persone che per scelta diventano vegetariane o addirittura vegane,sembra ora vada molto di moda,non voglio dare giudizi personali sulle scelte etiche delle persone,e sono altresi' convinto che nessuno dovrebbe darne,non mi sento un assassino se mangio carne o pesce,come osserva giustamente il Dott.Canali siamo onnivori,e la nostra dieta e'storicamente basata sul consumo di animali.
Se mettiamo invece da parte l'etica e parliamo in termini di salute,allora il non consumo di carne puo'avere un senso,dico cio'perche'per un problema ad un mio familiare,ho dovuto aime'visitare i piu'importanti centri oncologici presenti in Italia e posso garantire che la gran parte degli oncologi sono almeno parzialmente vegeteriani,e sconsigliano vivamente il consumo di carne se non in eta'infantile,il Prof.Veronesi credo sia il miglior esempio.

Sono dell'idea che la battaglia ai nostri giorni,vada fatta per preservare il pianeta intero,animalisti ed ambientalisti si,ma in maniera intelligente.
Basta deforestazioni,inquinamento a tutti i livelli,bracconaggio,cementificazione,e tutto quello che possa ledere la natura e i suoi abitanti.
Con la speranza che i tanti problemi di oggi,siano un domani solo un ricordo,approfitto del forum per salutare il Dott.Canali,augurandomi di reincontrarlo presto,magari come accaduto nelle volte precedenti,per un ottimo pranzo a base di pesce,sicuramente in quel di Parma a novembre in occasione della mostra organizzata dall'Adop,che dalle previsioni dovrebbe essere uno tra i piu'importanti appuntamenti ornitologici della stagione.

_________________
Associazione Ornitologica Apuana
R.N.A. SU09


25/09/2014, 22:41
          
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 2 messaggi ] 

Argomenti correlati
 Argomenti   Autore   Risposte   Visite    Ultimo messaggio 
Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. i miei animali

Pikky

6

456

03/12/2012, 22:57

Francesco Vedi ultimo messaggio

Non ci sono nuovi messaggi in questo argomento. Vietare la macellazione degli Equidi

Francesco

2

567

15/03/2013, 12:11

Pikky Vedi ultimo messaggio

 


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  


PUBBLICITA' 
Top






Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010

phpBB SEO